λέγει που Ήράκλειτος ότι πάντα χωρει καί ούδέν μένει καί ποταμου ροηι απεικάζων τά όντα λέγει ώς δίς ές τόν αύτόν ποταμόν ούκ άν έμβαίης

Eraclito dice in qualche luogo che tutto scorre via e che niente rimane immobile, e paragonando le cose alla corrente di un fiume afferma che non potresti entrare due volte nello stesso fiume.

(Platone, Cratyl, 402a)

PANTAREI

Se sottoponiamo alla considerazione del nostro pensiero la natura o la storia umana o la nostra specifica attività spirituale, ci si offre anzitutto il quadro di un infinito intreccio di nessi, di azioni reciproche, in cui nulla rimane quel che era, dove era e come era, ma tutto si muove, si cambia, nasce e muore.

Questa visione primitiva, ingenua, ma sostanzialmente giusta del mondo è quella dell'antica filosofia greca e fu espressa chiaramente per la prima volta da Eraclito:
tutto è ed anche non è, perché tutto scorre, è in continuo cambiamento, in continuo nascere e morire.

(Engels, Anti-Dühring)

Stampa
Print
Alessandro Marenco e Gabriele Mina (a cura di)
Egregio Sig. Direttore
Scritture dalla Ferrania, la fabbrica delle pellicole

Il saggio nasce dallo studio di circa 3.000 fascicoli del personale della FILM Ferrania (poi 3M), la fabbrica delle pellicole insediata nell’entroterra di Savona, protagonista per decenni nel mercato internazionale del fotosensibile.
Viene proposta una lettura storico-antropologica dell’universo Ferrania; la trascrizione di 60 documenti, accompagnati dalle biografie dei dipendenti; un’inedita documentazione fotografica. I materiali d’archivio prescelti sono compresi fra gli anni ’30 e gli anni ’50, quando Ferrania si configurava come una fabbrica-paese: gli impianti e la comunità intorno, i villaggi operai, il dopolavoro, le ricorrenze. Fra i documenti scritti sono evidenziate le domande di assunzione, le gratifiche, le punizioni e le lettere dei dipendenti in armi.
Dalla lettura dei fascicoli emerge un quadro vivo dei tanti contadini-operai della Val Bormida in quegli anni. Al centro il loro rapporto con la direzione aziendale, spesso caratterizzato dai modelli della supplica deferente al padrone. Uno studio e una documentazione che rappresentano un’occasione per indagare la scrittura di fabbrica, meno esplorata rispetto alle scritture dei soldati e alle lettere dei migranti.


 
Vedi il sommario    Contents
 

2022
228 pagine; brossura; documentazione fotografica; riferimenti bibliografici


ISBN 978-88-86591-54-6
€ 15,00

 
Torna
Back

Edizioni PANTAREI s.r.l. e-mail:
© 2008 - 2022 Edizioni Pantarei srl


Sede legale: Via per Crescenzago n. 188 - 20099 Sesto San Giovanni - Milano
C.F.-P. IVA-Registro Imprese MI: 11008550151
REA MI-1427004
Cap. Soc. € 25.819 i.v.


Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione atto a monitorare o raccogliere informazioni personali di identificazione. Sono utilizzati esclusivamente cookie di terze parti (Google Analytics), raccolti e gestiti garantendo l'anonimato dell'utente, impiegati esclusivamente in forma aggregata a fini statistici sull'utilizzo del sito. L'utente può in ogni caso disabilitare l'azione di Google Analytics installando sul proprio browser l'apposita componente fornita da Google (http://tools.google.com/dlpage/gaoptout).