λέγει που Ήράκλειτος ότι πάντα χωρει καί ούδέν μένει καί ποταμου ροηι απεικάζων τά όντα λέγει ώς δίς ές τόν αύτόν ποταμόν ούκ άν έμβαίης

Eraclito dice in qualche luogo che tutto scorre via e che niente rimane immobile, e paragonando le cose alla corrente di un fiume afferma che non potresti entrare due volte nello stesso fiume.

(Platone, Cratyl, 402a)

PANTAREI

Se sottoponiamo alla considerazione del nostro pensiero la natura o la storia umana o la nostra specifica attività spirituale, ci si offre anzitutto il quadro di un infinito intreccio di nessi, di azioni reciproche, in cui nulla rimane quel che era, dove era e come era, ma tutto si muove, si cambia, nasce e muore.

Questa visione primitiva, ingenua, ma sostanzialmente giusta del mondo è quella dell'antica filosofia greca e fu espressa chiaramente per la prima volta da Eraclito:
tutto è ed anche non è, perché tutto scorre, è in continuo cambiamento, in continuo nascere e morire.

(Engels, Anti-Dühring)

Stampa
Print
Ivo Bergamini
Alle origini del movimento operaio indiano.
Classi, caste e movimenti politici nell'India coloniale. 1857-1918
The Origins of the Labour Movement in India
Classes, castes and political movements in colonial India. 1857-1918

Il libro ripercorre la formazione delle forze politiche nazionaliste nell’India sotto la dominazione britannica e le loro espressioni in movimento politico, dalla prima grande insurrezione del 1857 al termine della Prima guerra mondiale.
Il primo consistente ciclo di lotte operaie – sia pure combinato con il movimento nazionalista – si sviluppa in India nel 1905-1908. Ma è assente qualsiasi collegamento alla teoria marxista, né esiste alcuna formazione politica, neppure genericamente, socialista.
La gioventù rivoluzionaria indiana affronta la dominazione coloniale britannica con grande spirito di sacrificio ed eroismo, ma con una visione assolutamente interclassista della lotta di liberazione nazionale. Il mito dell’unità di tutto il popolo penetra profondamente in questi giovani. Unito all’ideologia religiosa con la sua santificazione dello sfruttamento dei contadini, contribuisce potentemente ad escludere ogni idea di rivoluzione sociale dal loro orizzonte concettuale, pesando fortemente e a lungo sul procedere del movimento operaio indiano lungo la strada della propria autonomia politica ed organizzativa.
L’interesse degli argomenti trattati è oggi accresciuto dall’irruzione nel mondo dei giganti asiatici che ne ripropone all’attenzione del pubblico più vasto, insieme ai fatti odierni, la storia passata.


The book describes the origins of Indian nationalist political forces under British rule and their becoming a political movement, from the first great insurrection of 1857 to the end of the First World War. The first important cycle of workers’ struggles – although combined with the nationalist movement – developed in India in 1905-08. But there was no connection whatsoever to Marxist theory, nor did there exist any Socialist political organisation, not even of a general nature. The young Indian revolutionaries faced British colonial domination with spirit of sacrifice and heroism, but with a completely cross class view of the struggle for national liberation. The myth of the unity of all the people was deep rooted in these young people. Together with a religious ideology sanctifying the exploitation of the peasants, this myth was a powerful contribution to excluding any idea of social revolution from their minds, affecting heavily and for long the progress of the Indian labour movement towards its own political and organisational autonomy. The relevance of the subjects treated in this book has increased today with the rise of the Asian giants, which brings their past history as well as their contemporary reality to wider public attention.

 
Vedi il sommario    Contents
 

2007; 712 pagine, rilegato
Illustrato
cronologia essenziale della biografia politica di "Lokamanya" Tilak; bibliografia; indice dei nomi; notizie biografiche; repertorio dei luoghi geografici


2007, hardcover, 712 pp., chronological tables, bibliography, list of places, biographies, index of names
Published with the support of the Institute for the Study of Capitalism, Genoa

ISBN 978-88-86591-13-3
€ 25,00

 

 
Torna
Back

Edizioni PANTAREI s.r.l. Casella Postale 10688 MI-Isola - 20110 Milano; e-mail:
© 2008 - 2018 Edizioni Pantarei srl


Sede legale: Via Enrico Toti, 2 - 20123 Milano
C.F.-P. IVA-Registro Imprese MI: 11008550151
REA MI-1427004
Cap. Soc. € 25.819 i.v.


Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione atto a monitorare o raccogliere informazioni personali di identificazione. Sono utilizzati esclusivamente cookie di terze parti (Google Analytics), raccolti e gestiti garantendo l'anonimato dell'utente, impiegati esclusivamente in forma aggregata a fini statistici sull'utilizzo del sito. L'utente può in ogni caso disabilitare l'azione di Google Analytics installando sul proprio browser l'apposita componente fornita da Google (http://tools.google.com/dlpage/gaoptout).