λέγει που Ήράκλειτος ότι πάντα χωρει καί ούδέν μένει καί ποταμου ροηι απεικάζων τά όντα λέγει ώς δίς ές τόν αύτόν ποταμόν ούκ άν έμβαίης

Eraclito dice in qualche luogo che tutto scorre via e che niente rimane immobile, e paragonando le cose alla corrente di un fiume afferma che non potresti entrare due volte nello stesso fiume.

(Platone, Cratyl, 402a)

PANTAREI

Se sottoponiamo alla considerazione del nostro pensiero la natura o la storia umana o la nostra specifica attività spirituale, ci si offre anzitutto il quadro di un infinito intreccio di nessi, di azioni reciproche, in cui nulla rimane quel che era, dove era e come era, ma tutto si muove, si cambia, nasce e muore.

Questa visione primitiva, ingenua, ma sostanzialmente giusta del mondo è quella dell'antica filosofia greca e fu espressa chiaramente per la prima volta da Eraclito:
tutto è ed anche non è, perché tutto scorre, è in continuo cambiamento, in continuo nascere e morire.

(Engels, Anti-Dühring)

Stampa
Print
Angus Maddison
L'economia mondiale dall'anno 1 al 2030
Un profilo quantitativo e macroeconomico
Contours of the World Economy, 1-2030 AD. Essays in Macro-Economic History

Lo scopo del libro è illustrato dall'autore con queste parole: «individuare i fattori che spiegano come e perché certe regioni del mondo sono diventate ricche, a differenza di altre che sono invece rimaste indietro». In questa ricostruzione Maddison, rispetto a suoi precedenti testi, sposta indietro di un altro millennio, fino all’epoca dell’Impero romano, le sue analisi e stime quantitative.
Nella prima parte affronta altri nodi decisivi della storia economica del mondo: l’accelerazione dello sviluppo europeo nei primi secoli del secondo millennio, la conseguente conquista e trasformazione delle Americhe, i complessi e conflittuali rapporti tra l’Europa e l’Asia negli ultimi cinque secoli, nonché l’impatto dell’Islam sullo sviluppo africano. La seconda parte rappresenta di fatto una storia originale e documentata della macro-misurazione a partire dalle sue origini, nel 1665. Nella terza parte infine l’autore si cimenta nella formulazione di stime per il prossimo, difficile e movimentato ventennio, fino al 2030: da segnalare la previsione del sorpasso del pil cinese su quello americano per il 2018. Maddison arricchisce poi questo capitolo con una serie di valutazioni sul rapporto tra sviluppo economico, inquinamento e cambiamenti climatici.
Il libro si segnala anche, come è sempre nei testi di questo autore, per la notevole mole di dati e documentazione e per l’ampia bibliografia.


Translated from English

In the author’s own words, “the purpose of this book is to identify the forces which explain how and why some parts of the world have grown rich and others have lagged behind”. In comparison to his previous books, here Angus Maddison moved his quantitative study and estimates back another millennium to the time of the Roman Empire. In the first chapters he dealt with some crucial problems in world economic history, that is the acceleration of European growth in the first centuries of the second millennium, the consequent conquest and transformation of the Americas, the difficult and conflicted relations between Europe and Asia in the last five centuries, as well as the impact of Islam on African development. The second part of the book comprises an original and documented history of macroeconomics starting from its origins in 1665. Finally, in the third part Maddison undertook a formulation of estimates for the difficult and turbulent twenty years ahead, up to 2030. Noteworthy is his prediction of the Chinese GDP overtaking the American level by 2018. Maddison then integrated these chapters with a series of evaluations on the relationship between economic development, pollution and climate change. As usual in this writer’s works, this study excels for the amount of evidence and documentation provided and for its extensive bibliography.

 
Vedi il sommario    Contents
 

2008; 506 pagine, rilegato
Illustrato
indice analitico


2008, hardcover, 506 pp., subject index

ISBN 978-88-86591-17-1
€ 30,00

 
Torna
Back

Edizioni PANTAREI s.r.l. Casella Postale 10688 MI-Isola - 20110 Milano; e-mail:
© 2008 - 2018 Edizioni Pantarei srl


Sede legale: Via Enrico Toti, 2 - 20123 Milano
C.F.-P. IVA-Registro Imprese MI: 11008550151
REA MI-1427004
Cap. Soc. € 25.819 i.v.


Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione atto a monitorare o raccogliere informazioni personali di identificazione. Sono utilizzati esclusivamente cookie di terze parti (Google Analytics), raccolti e gestiti garantendo l'anonimato dell'utente, impiegati esclusivamente in forma aggregata a fini statistici sull'utilizzo del sito. L'utente può in ogni caso disabilitare l'azione di Google Analytics installando sul proprio browser l'apposita componente fornita da Google (http://tools.google.com/dlpage/gaoptout).