λέγει που Ήράκλειτος ότι πάντα χωρει καί ούδέν μένει καί ποταμου ροηι απεικάζων τά όντα λέγει ώς δίς ές τόν αύτόν ποταμόν ούκ άν έμβαίης

Eraclito dice in qualche luogo che tutto scorre via e che niente rimane immobile, e paragonando le cose alla corrente di un fiume afferma che non potresti entrare due volte nello stesso fiume.

(Platone, Cratyl, 402a)

PANTAREI

Se sottoponiamo alla considerazione del nostro pensiero la natura o la storia umana o la nostra specifica attività spirituale, ci si offre anzitutto il quadro di un infinito intreccio di nessi, di azioni reciproche, in cui nulla rimane quel che era, dove era e come era, ma tutto si muove, si cambia, nasce e muore.

Questa visione primitiva, ingenua, ma sostanzialmente giusta del mondo è quella dell'antica filosofia greca e fu espressa chiaramente per la prima volta da Eraclito:
tutto è ed anche non è, perché tutto scorre, è in continuo cambiamento, in continuo nascere e morire.

(Engels, Anti-Dühring)

Stampa
Print
Emilio Gianni
Liberali e democratici alle origini del movimento operaio italiano.
I congressi delle società operaie italiane. 1853-1893
Liberals and Democrats at the Origins of the Labour Movement in Italy
Congresses of the Italian workers' societies. 1853-1893

Un lavoro che analizzasse la storia del movimento operaio solo attraverso le sue componenti puramente “comuniste” o “proletarie” – anche se non solamente nell’accezione ristretta dell’origine sociale – avrebbe in fin dei conti poco da studiare.
Per cogliere la dinamica, il movimento, il travaglio che portano all’emergere di una classe che agisce “per sé” occorre analizzare sempre tutta la storia di questa classe stessa: anche quando si manifesta solamente “in sé” rimanendo preda delle più svariate ideologie borghesi. Sempre, dai suoi albori sino ad oggi, il movimento operaio ha vissuto la perenne lotta per affrancarsi dall’influenza borghese nel suo seno e conquistarsi quindi una autonomia di classe.
Nel movimento operaio italiano delle origini, che in questo primo studio si analizza, l’influenza delle correnti liberal-borghesi e democratico-borghesi fu preponderante se non esclusiva. Ma è proprio da quegli uomini e da quelle idee che occorre partire per dipanare il suo cammino. La necessaria – oggi quanto ieri – autonomia teorica, politica ed organizzativa deve combattere l’idea, anch’essa quasi luogo comune, di un unico albero dalle molte fronde, tutte legittime; di una casa comune dove sia possibile la convivenza dell’internazionalista con lo sciovinista o del rivoluzionario con il riformista.


Should we try to describe the labour movement’s development only through its purely “communist” or “proletarian” elements – even though not only in the strictest sense of social origin – we would have very little to investigate. It is in fact necessary to examine the whole history of the working class in order to understand the dynamics, the movement, and the difficulties characterising its rise as a class “for itself”, even when it appears only “in itself” and is as such a prey to the various bourgeois ideologies. The workers’ movement has always been engaged in the struggle to emancipate itself from bourgeois influence and achieve its class autonomy. The influence of liberal and democrat bourgeois tendencies on the early Italian labour movement – which is studied in this first volume of a series – was prevailing, if not exclusive. But we have to start from those men and views to unravel its development. The necessary – as much today as in the past –theoretical, political and organisational autonomy should dispute the notion, also the commonplace, that we are all legitimate branches of one tree, that there is one only home where the internationalist and the chauvinist, the revolutionary and the reformist can live together.

 
Vedi il sommario    Contents
 

2006; 346 pagine, rilegato
Illustrato
indici delle fonti, dei luoghi, dei periodici, dei nomi


2006, hardcover, 346 pp., biographies, index of sources, places, and periodicals, index of names
Published with the support of the Institute for the Study of Capitalism, Genoa

ISBN 978-88-86591-10-2
€ 15,00

 
Torna
Back

Edizioni PANTAREI s.r.l. Casella Postale 10688 MI-Isola - 20110 Milano; e-mail:
© 2008 - 2018 Edizioni Pantarei srl


Sede legale: Via Enrico Toti, 2 - 20123 Milano
C.F.-P. IVA-Registro Imprese MI: 11008550151
REA MI-1427004
Cap. Soc. € 25.819 i.v.


Questo sito non utilizza alcun cookie di profilazione atto a monitorare o raccogliere informazioni personali di identificazione. Sono utilizzati esclusivamente cookie di terze parti (Google Analytics), raccolti e gestiti garantendo l'anonimato dell'utente, impiegati esclusivamente in forma aggregata a fini statistici sull'utilizzo del sito. L'utente può in ogni caso disabilitare l'azione di Google Analytics installando sul proprio browser l'apposita componente fornita da Google (http://tools.google.com/dlpage/gaoptout).